Bibite: oltre allo zucchero c’è di più?

Approfondimenti, Consigli, Da Bere | 3 aprile 2017 | By

 Presentazione standard1

Bibite: oltre allo zucchero c’è di più?
Articolo a cura della Dott.ssa Assunta Aversa , Biologo Nutrizionista, esperta in Nutrizione Clinica.

Siamo sempre attirati, incuriositi dalle bibite che troviamo nei supermercati o nei bar, soprattutto quando si alzano le temperature e abbiamo voglia di qualcosa di dissetante.

Che siano piene di zucchero avevamo pochi dubbi. Ma sappiamo davvero cosa c’è dentro?

Succhi e nettari di frutta: non pensare a succhi come sostituti della frutta fresca: hanno zuccheri aggiunti, meno fibra e meno vitamine.

Preferisci i succhi  al 100% – gli zuccheri presenti sono quelli naturalmente contenuti nella frutta.

Le bibite dolci sono tutti uguali?

Che le bibite contengano tanto zucchero, si sa, ma quanto? A conti fatti è ancor più di quanto potremmo immaginare.

Cola. Un bicchiere (250 ml) contiene quasi 6 cucchiaini di zucchero: ci sono, infatti, 27 g di zucchero, più della metà della quantità che dovremmo assumere in una giornata. Tanto zucchero e nessun nutrimento.

-Gassosa. Tra le bibite più diffuse è la “meno zuccherina”, ma si fà per dire. Un bicchiere (250 ml) contiene quasi 23 g di zucchero, il doppio di una crostatina al cacao.

-Té freddo al limone. In una tazza di thé metteresti più di cinque cucchiaini di zucchero? Ecco quanti ce ne sono in 250 ml e corrispondono a 27 g, cioè 110 kcal.

Chinotto. Non farti ingannare dal gusto amaro che disseta, perché nasconde una quantità di zucchero insospettabile: quasi 28 g in un bicchiere (250 ml).

Aranciata. È la bibita più zuccherata di tutte: un bicchiere (250 ml) contiene 6 cucchiaini di zucchero: ci sono, 30 g di zucchero, più della metà della quantità che dovremmo assumere in una giornata. Ancora più zucchero rispetto alla Coca-Cola.

Bibite light. Certo, hanno zero calorie perché non contengono zucchero (come per esempio la Coca Zero). Gli edulcoranti garantiscono il gusto di sempre soddisfando così la voglia di dolce, senza però educare e abituare il palato a una gradazione di dolce meno intensa.

Edulcoranti. Le bibite in versione light contengono edulcoranti come aspartame e stevia: le calorie vanno a zero ma il gusto dolce rimane.

Anche se sostituiscono lo zucchero sarebbe meglio imparare a ridurlo.

Un abuso di edulcoranti potrebbe farci superare la dose giornaliera accettabile, fissata per consumare in sicurezza questi additivi.

Alla fine, meglio di un buon bicchiere d’acqua c’è ben poco.

Articolo a cura della Dott.ssa Assunta Aversa, Biologo -Nutrizionista , esperta in nutrizione clinica.

CONTATTI

Tel : 339 542 6592

www.nutrizionistaaversa.it

info@nutrizionistaaversa.it

Pagina Facebook :  Nutrizionista Dott.ssa Assunta Aversa

DOVE RICEVE:

-Cesenatico (Fc)

-Santarcangelo di Romagna (RN)

– Rimini

foto Assunta

 

LATTE DI SOIA HOMEMADE. Un’alternativa gustosa e naturale.

Da Bere, Preparazioni Base | 4 maggio 2016 | By

LATTE DI SOIA HOMEMADE. Un’alternativa gustosa e naturale.

Preparare il latte di soia in casa consente di controllare la provenienza della materia prima che deve essere di tipologia gialla ma biologica e senza OGM, possibilmente italiana. Inoltre saremo noi a decidere se, quanto e come dolcificarlo.
Pochissimi ingredienti per un prodotto più genuino e naturale!
Stampa

Ingredienti per 1 l. ca. di latte di soia
  1. - ca. 800 ml. d'acqua (andare ad occhio a seconda della densità finale desiderata)
  2. - 100 g. ca. di soia gialla secca biologica ( pari a 200 g ca. di soia ammollata e scolata)
  3. - dolcificante naturale a piacere ( sciroppo di agave o acero o zucchero di canna integrale o di fiori di cocco)
Istruzioni
  1. Sciacquare la soia e metterla in ammollo in ca. un litro d'acqua per il tempo indicato in confezione ( di solito almeno 12 ore ). In questo modo rilascerà gli eventuali residui nocivi presenti. Sostituire l’acqua di ammollo almeno una volta, dopo 6/8 ore. Trascorso il tempo necessario scolare e buttare quest’acqua, trasferire la soia ammollata in una pentola e portare ad ebollizione con ca. un litro d'acqua, e cuocere a fiamma bassa per almeno 15 minuti. Trasferire in un BUON robot da cucina sia la soia che la sua acqua e frullare alla massima potenza per qualche minuto, fino a quando diventerà appunto latte ( si può utilizzare anche un frullatore ad immersione frullando a potenza bassa). Versare l’acqua a filo andando ad occhio, aggiungendone ancora un pochino qualora fosse necessario a raggiungere la densità da voi desiderata. Lasciare intiepidire e filtrare con l’aiuto di un colino a maglie larghe. Filtrando e schiacciando con un cucchiaio contro il colino separerete la polpa di soia dal latte. Trasferire in una bottiglia di vetro e quando si sarà raffreddato conservare in frigorifero. Consumare entro max. 48/72 ore. Il latte di soia può essere consumato al naturale o aromatizzato con cannella, vaniglia o cacao. Ottimo per la preparazione di besciamella vegetale o come ingrediente per torte e biscotti, oppure come bevanda, anche dolcificato a piacere.
Note
  1. La polpa di soia residua dal procedimento di preparazione del latte si chiama Okara. Non buttatela, ha un buon contenuto proteico e potrete utilizzarla per la preparazione di polpette / crocchette / burgher vegetali. Il latte di soia, essendo derivato da legumi, tra i vari tipi di latte vegetale è quello con il più elevato contenuto di proteine ( 3 g. ca. ogni 100 ml., quasi la stessa quantità di proteine del latte intero di mucca, ma ovviamente di tipo vegetale). Ricco di vitamina E contiene acidi grassi polinsaturi utili all'organismo. E’ bene specificare che secondo gli esperti, a causa del contenuto di fitoestrogeni si consiglierebbe un uso moderato della soia e dei suoi derivati come latte, tofu, burgher, ecc…( non più di 3 volte a settimana), specie per le donne in pre o menopausa, e più in generale a tutti per evitare/prevenire il rischio di squilibri ormonali ( per un indicazione personalizzata consultare il medico o specialista). Si potrebbe risultare allergici o intolleranti alla soia .
Cucinare sano e gustoso http://www.cucinaresanoegustoso.it/

Latte di Nocciola. Delizioso e nutriente

Da Bere | 8 marzo 2016 | By

Latte di Nocciola. Bevanda vegetale deliziosa e nutriente

Un'alternativa per una bevanda vegetale semplicissima da preparare e davvero deliziosa ! Pochissimi ingredienti per un prodotto naturale.
Stampa

Ingredienti
  1. -100 grammi di nocciole sgusciate
  2. -800 ml ca. di acqua ( a seconda della consistenza desiderata)
  3. -dolcificante naturale a piacere ( sciroppo di agave o di riso, zucchero di fiori di cocco, zucchero integrale di canna)
Istruzioni
  1. Mettere a mollo le nocciole la sera prima in abbondante acqua.
  2. Sciacquare, buttare l'acqua di ammollo e scolare. Trasferire in un robot da cucina o frullatore e frullare molto bene. Aggiungere una parte di acqua nuova a filo, fino a coprire leggermente le nocciole e frullare ancora. Aggiungere ancora acqua (necessaria a raggiungere la densità desiderata) e frullare ancora . Versare in una bottiglia di vetro, filtrando delicatamente con l’aiuto di un colino a maglie larghe, schiacciando bene la polpa di nocciole contro il colino con un cucchiaio .
Note
  1. Se vi piace aromatizzate la bevanda aggiungendo vaniglia o cacao in polvere. Non buttate la polpa di nocciole residua, utilizzatela in base alla vostra creatività!
  2. Ad esempio nella preparazione di biscotti o torte.
Cucinare sano e gustoso http://www.cucinaresanoegustoso.it/

Latte di Riso fatto in casa

Latte di Riso fatto in casa

Io non sono un amante di questo latte ma, sempre per variare spesso ,
lo uso sia a colazione che nella preparazione di prodotti da forno.
Il risultato è abbastanza soddisfacente :
il sapore del riso si sente molto perciò io ho preferito oltre a dolcificare con sciroppo di agave, aggiungere un po’ di vaniglia ( penso sia ottimo anche con cacao) e diluirlo con un pochino di acqua in più.
Stampa

Ingredienti
  1. Una tazza da te di riso bio
  2. (io uso quello integrale ma chiaramente viene più scuro)
  3. Circa 8 decilitri di acqua
  4. (aumentando sara’ meno denso)
  5. Un cucchiaio colmo di sciroppo di acero o agave
  6. (o mettere il dolcificante che più piace regolandovi per la dose da soli)
  7. Un pizzico di vaniglia.
Istruzioni
  1. Mettere in ammollo il riso nell’acqua per una notte poi scolare ; trasferire il riso con la stessa quantità di acqua pulita in un buon robot da cucina e frullare alla massima velocita’ per 3/4 min. ( dipende dal vostro robot).
  2. Aggiungere il dolcificante (facoltativo ma a me senza non piace da bere) e la vaniglia e frullare un altro minuto.
  3. Passare con un colino.
  4. Mettere in un contenitore chiuso bene e riporre in frigo. Consumare entro un paio di giorni.
Note
  1. Si conserva in frigorifero max. 48 ore.
Cucinare sano e gustoso http://www.cucinaresanoegustoso.it/

Latte di Mandorla fatto in casa

Da Bere, Senza categoria, Senza Cottura, Varie | 16 marzo 2015 | By

Latte di Mandorla fatto in casa

Una sensazionale scoperta, facile e più buono...perciò perché comprarlo?
Stampa

Ingredienti
  1. 1 tazza di mandorle ( meglio pelate e biologiche)
  2. Acqua q.b. (ca. mezzo litro)
  3. Sciroppo d’acero o zucchero di canna grezzo a piacere
  4. (se lo volete dolcificare, altrimenti è buono anche così al naturale).
Istruzioni
  1. Sciacquate le mandorle sotto acqua corrente.
  2. Lasciate poi in ammollo le mandorle tutta la notte in mezzo litro di acqua circa.
  3. La mattina dopo risciacquare e trasferire le mandorle con mezzo litro di acqua pulita in un buon robot da cucina e frullare alla massima potenza per 2/4 minuti ( dipende dal vostro robot). Passare il liquido ottenuto in un colino e aggiungere eventualmente il dolcificante scelto mescolando nuovamente.
  4. Il latte è già pronto e va conservato in frigorifero e consumato entro 2/3 giorni.
Note
  1. P.s: La polpa di mandorle che rimarrà nel colino non buttatela ! Potrete utilizzarla ad esempio per preparare una torta o da mettere nello yogurt!
  2. Ad esempio nella mia ricetta dei tortini morbidi alle mandorle, sostituendo quelle previste.
Cucinare sano e gustoso http://www.cucinaresanoegustoso.it/