Come preparare delle Insalate fresche ed originali

Antipasti, Consigli, Senza Cottura, Varie | 19 novembre 2016 | By

slider_2

QUALCHE  CONSIGLIO / SPUNTO

( ANCHE FOTOGRAFICO) PER PREPARARE DELLE FRESCHE INSALATE ORIGINALI E NUTRIENTI GRAZIE ALLA PRESENZA VERDURE CRUDE, DI SEMI E FRUTTA SECCA .

MESCOLATE DIFFERENTI COLORI ( PER ASSICURARVI TUTTE LE VARIE  VITAMINE)  CON SVARIATI TIPI DI SEMI ( SESAMO, GIRASOLE, PAPAVERO, LINO, CANAPA, ZUCCA, ECC… CON FRUTTA SECCA ( ANACARDI, NOCI, NOCCIOLE, NOCI DI PECAN, MACADAMIA O DEL BRASILE, MANDORLE, PINOLI, ECC…).

FARETE IL PIENO ANCHE  DI FIBRE, VITAMINE, MINERALI E OMEGA 3 , CON UN PIATTO SANO E FACILMENTE DIGERIBILE !

PER UNA VERSIONE IN AGRODOLCE AGGIUNGETE DELLA FRUTTA PREFERIBILMENTE FRESCA COME ARANCE, MELE O PERE AD ESEMPIO, OPPURE FRUTTA ESSICCATA COME UVETTA SULTANINA, RIBES, MIRTILLI , ECC…

CONDITE CON OLIO EVO E ACETO DI MELE, OTTIMI SOTTO TUTTI I PUNTI DI VISTA.

LA VERDURA CRUDA  MANTIENE INTATTE TUTTE LE SUE PROPRIETA BENEFICHE’, PERCIO’

CONSUMATELA SPESSO! AD ESEMPIO LE VERDURE DELLA FAMIGLIA DEI CAVOLI  ( CRUCIFERE) HANNO PROPRIETA’ ANTITUMORALI.

LA ZUCCHINA CRUDA TAGLIATA A JULIENNE E’ BUONISSIMA, PROVATELA.

IL FINOCCHIO HA OTTIME PROPRIETA’ DIGESTIVE E CARMINATIVE.

PER UN PASTO BILANCIATO E’ CONSIGLIABILE ACCOMPAGNARE UN’ INSALATA CON DEL PANE SCURO.
Io uso semi di canapa bio di www.strabuono.it

e frutta secca bio di www.gustovivo.bio



IMG_6839IMG_6837IMG_6213IMG_5687IMG_40350170ca7ab7fa01cb3229c5aede7d5a2780579b230dIMG_6073IMG_5688

Piccoli trucchi per una pastella più leggera!

Consigli, Preparazioni Base, Salse e Creme, Varie | 16 giugno 2016 | By

image

Non amo i fritti, prediligo la cottura in forno. Ma ogni tanto accontento mio figlio. 

Con  pochi accorgimenti si ottiene  UNA PASTELLA PIÙ LEGGERA e 100% vegetale…

Basta utilizzare farina di riso e latte di riso, sale rosa, pepe e noce moscata (se piace), seguendo le stesse modalità di preparazione della pastella tradizionale:
-stemperare in una ciotola a sponde alte un po’ di farina nel
latte con una frusta, sbattendo energicamente per non formare grumi. Il latte va aggiunto a filo per ottenere una pastella sufficientemente densa; regolatevi ad occhio: se risulta troppo liquida aggiungete frullando un altro po’ di farina, viceversa se troppo asciutta un altro pochino di latte. Aggiustare di sale, pepe, spezie a piacere e aggiungere la verdura scelta per le vostre frittelle, in questo caso fiori di zucca lavati, ben asciugati e privati del pistillo.

Mescolare bene e friggere in olio           ( meglio se di arachide, più adatto ai fritti) trasferendo delle cucchiaiate di impasto direttamente nell’olio bollente a fuoco medio/alto. Se necessario rigirarle e una volta cotte trasferirle su un vassoio o piatto di portata coperto da carta assorbente .

ATTENZIONE!

Si consiglia  di consumare cibi fritti raramente, meglio se cotti a casa, in olio nuovo.
Buon appetito!

image


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Acquista Online su SorgenteNatura.it

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

LA BATATA: UN CONCENTRATO DI SALUTE E SAPORE !

IMG_8984

Approfondimenti, Consigli, Varie | 11 marzo 2016 | By

LA BATATA: UN CONCENTRATO DI SALUTE E SAPORE !

La batata (Ipomoea batatas ) a differenza della patata comune, non è un tubero bensì una radice tuberosa.

Essa ha delle caratteristiche nutrizionali particolarmente degne di nota.
Ricca di proprietà nutritive e benefiche, è un ottimo antiossidante. E’ originaria dell’America tropicale, perciò è soprannominata “patata americana”o “patata dolce” per il suo sapore dolciastro.

Molto diffusa nella cucina iberica.

Ha proprietà depurative e disintossicanti.
E’ ricca di flavonoidi, antociani, fibre, minerali, carboidrati complessi, proteine.
Un concentrato di vitamine A e C con un quantitativo importante se rapportato al nostro fabbisogno giornaliero di queste ultime . Contiene inoltre vitamina b6 ma anche ferro e calcio.
Un ottimo alleato contro l’anemia e l’ipertensione.
La batata inoltre ha un indice glicemico più basso rispetto alla patata tradizionale, perciò indicata anche contro il diabete .
Si può mangiare cruda, meglio con la buccia ( ovviamente ben lavata e spazzolata) .
Si consiglia di consumarla con la buccia perché contiene una sostanza che aiuta a ridurre la glicemia e il colesterolo.
Grazie al suo sapore dolce è molto gradevole anche per i bambini, come alternativa a patate e carote, semplicemente cotta come queste ultime, ad esempio al vapore oppure servita come purea originale.

Il suo colore all’interno è rossastro-arancione, perciò è chiamata anche batata rossa.

Un concentrato di salute, ottima idea per variare la nostra alimentazione quotidiana!

Nella foto sotto é cotta semplicemente al vapore o lessata ( qui sbucciata), servita condendola con olio evo a crudo, sale rosa, pepe e semi di papavero. 


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

 

IMG_8977
IMG_8988

 

 

LA CICERCHIA : proprietà, usi , controindicazioni.

FullSizeRender (54)

Approfondimenti, Consigli, Secondi piatti, Varie | 10 marzo 2016 | By

 
LA CICERCHIA : proprietà, usi , controindicazioni.

Cicerchia è il nome comune di un legume antico (Lathyrus sativus) coltivato in Asia, Africa, Europa.

Gli altri nomi della cicerchia sono pisello d’India o pisello d’erba ; in India è khesari.

In alcune zone dell’ Italia si coltiva per tradizione contadina (è tra i più antichi), come ad esempio la Puglia, il Molise, l’Umbria, il Lazio, le Marche, la Sicilia.

E’ un legume particolare che può essere consumato ogni tanto ( in un‘ ottica di variazione a tavola),  in qualsiasi stagione.

Le cicerchie infatti, come altri legumi, si trovano essiccate durante tutto l’anno. Contengono vitamine del gruppo B, proteine, sali minerali, fibre e polifenoli. Sono una fonte di calcio e fosforo.

Si raccomanda di consumare le cicerchie dopo un ammollo di 24 ore, cambiando l’acqua più volte, per eliminare eventuali sostanze tossiche, per poi scolarle e cuocerle in nuova  acqua o brodo vegetale.

I semi della cicerchia pare contengano in quantità variabile una neurotossina,  un aminoacido detto ODAP. Ma consumandola in un’ottica di  diversificazione, all’interno  di una dieta che sia varia,  è considerata una rarità che le cicerchie possano portare gravi problemi di salute o danni,  per quanto riguarda l’Italia e l’alimentazione odierna.

Si raccomanda quindi di consumarla solo ogni tanto.

La cottura prolungata ( bollitura) contribuirebbe a sconfiggere la potenziale tossicità della cicerchia e a renderla più digeribile.

Per il tempo di cottura seguire le indicazioni riportate sull’etichetta del prodotto ( meglio se biologico ).

Se utilizzate la pentola a pressione i tempi si dimezzano.

Le erbe aromatiche come il rosmarino, il timo e  l’origano possono contribuire a rendere tutti i legumi più digeribili e ad attenuare gonfiori intestinali .

Le cicerchie al pari di altri legumi, sono utilizzate stufate con verdure, per la preparazione di burgher vegetali (come secondo piatto), per dei passati o purea, per delle buone zuppe con cereali integrali o minestroni . Con la macinazione anche qui si ottiene una farina ottima per la  preparazione di polenta, crepes e focaccine.

 
Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

 

 

IL BERGAMOTTO: TANTI USI E MERAVIGLIOSI BENEFICI !

Approfondimenti, Consigli, Varie | 17 febbraio 2016 | By

IL BERGAMOTTO: TANTI USI E MERAVIGLIOSI BENEFICI

IMG_8830
SONO RIMASTA ESTASIATA DAL SUO SAPORE E DAL SUO PROFUMO !
La pianta si chiama Citrus Bergamia Risso. Non è chiara né la provenienza né l’origine, a riguardo ci sono svariate scuole di pensiero. E’ possibile ma non certo che la specie sia originaria della Calabria perchè già dal nel XIV secolo si trovano cenni ad esso ricollegabili. La coltivazione intensiva pare risalga al 1750 a Reggio Calabria . In Calabria ha trovato il suo habitat e vi si produce il 90 % della produzione mondiale. Il frutto è grande come un’arancia, ha la scorza di colore giallo e si raccoglie da novembre a marzo.
L’olio essenziale si ottiene dalla buccia ed é utilizzato per aromatizzare le tisane e per produrre profumi/essenze .
In erboristeria : ha proprietà antinfiammatorie, disinfettanti, astringenti e cicatrizzanti (consigliato come rimedio naturale alla psoriasi). E’ un antiparassitario intestinale.


Acquista Online su IlGiardinodeiLibri.it

Secondo alcuni studi il bergamotto è consigliato per la cura del colesterolo ( il consumo del suo succo contribuisce all’ aumento del colesterolo buono HDL e alla diminuzione di quello cattivo LDL e dei trigliceridi) e alla diminuzione dei livelli di glicemia. Il suo succo è amaro ma molto più aromatico e profumato del limone; contiene polifenoli, flavonoidi. Contiene vitamina A ed E, B1 e B2 e P e grazie al buon contenuto di vitamina C è utile nell’assorbimento del calcio , nei disturbi dentali, contro le anemie da carenza di ferro, ha proprietà depurative e digestive.
In cucina (la buccia grattugiata e il succo) può essere usato in tutte le pietanze al posto del limone o arancio, per un risultato estremamente profumato e aromatico, oltre che originale.
Per aromatizzare bevande fredde e calde  come succhi ed infusi/tisane, ma anche per preparare primi, secondi, contorni e ovviamente nei dolci .

Per una bevanda fresca e dissetante oltre che disintossicante, specie se presa a digiuno ( succo e acqua). Per preparare un ottimo liquore.
Nell’ aromaterapia è consigliato per il trattamento della depressione, aiuta il sonno.
Provate il bergamotto, il suo aroma , il suo profumo inebriante vi conquisterà !
IMG_8829